Le criptovalute sono il futuro?


Il Bitcoin ha cambiato la percezione delle criptovalute negli ultimi anni

Ormai è da 10 anni che sono entrate a fare parte della nostra quotidianità.

In questo momento tengono in auge diversi convegni, dibattiti, in cui molti si chiedono se il futuro sarà loro e se andranno a sostituire le transazioni che oggi conosciamo. Non avendo un corrispettivo nel mondo fisico ed essendo considerati da molti illegittime non essendo state emesse o validate da un ente di controllo, i blocchi contenuti nella rete stanno diventando sempre più una forma di pagamento accettata dagli esercenti e da catene di abbigliamento/hotel diventando quindi sempre più una comune forma di pagamento ed una forma di investimento.

Qui trovi l’articolo di Avatrade da poco pubblicato, leggi subito.


Dove nasce la Criptovaluta?

Nasce nel 2008 in Asia, lo pseudonimo dell’inventore è Satoshi Nakamoto. Nel 2009 è stato reso noto il primo tasso di cambio BTC/USD.


Che cos’è?

La Criptovaluta nasce come moneta criptata e decentralizzata. La rete utilizza una tecnologia definita Blockchain, per cui ogni transazione viene conservata nella rete dei pc (non esiste quindi un registro pubblico) come se fossero dei piccoli pacchetti uno collegato all’altro. Sono coperti da crittografia così da evitare eventuali violazioni. La crittografia è uno dei metodi di tutela e protezione delle tecnologie moderne, oltre che delle monete digitali come la Criptovaluta.

Trading di Criptovalute

Le criptovalute sono utilizzate nel trading online in maniera analoga a quella del Forex trading, l’unica differenza è che invece che scambiare denaro fisico, si scambia denaro virtuale. Il modo più utilizzato è utilizzando un broker online e per questo oggi ti parliamo di una piattaforma molto affidabile.

Arbitraggio di Criptovalute

Bisogna considerare che il mercato delle criptovalute è del tipo OVER THE COUNTER, cioè il prezzo di ogni coppia sulle piattaforme di scambio è determinato dall’offerta e dalla domanda dei trader, ovvero in base al registro ordini. Sulle piattaforme di trading, si crea quindi una situazione di auto-arbitraggio che ne determina il prezzo.

Le criptovalute possono essere utilizzate per pagare l’esercente?

Diciamo pure che fino a poco tempo fa era assolutamente impensabile, come ogni forma nuova ed innovativa, era vista da molti come eresia. Nel Nord Italia, soprattutto in Veneto, alcuni piccoli esercenti l’hanno vista come forma diversificata di pagamento, soprattutto per dare un servizio in più ai clienti e chissà, magari poi nel giro di qualche anno, avere anche altri benefici da quel servizio offerto per primi.

In questo momento, la si può utilizzare per pagare diversi servizi: ristoranti, hotel, voli, piccoli negozi. Alcuni di questi per promuovere il servizio utilizzano un piccolo servizio di cashback per cui una piccola percentuale della somma pagata ti viene restituita. Così fidelizzi il cliente che magari tornerà proprio perché si ricorda di quel servizio differente offertoli la prima volta.

Al momento possiamo dire che l’unica sofferenza che hanno, è la grande volatilità per cui il prezzo dal mattino alla sera può essere notevolmente cambiato.

Ad oggi però, offre anche ottime opportunità di investimento e può essere considerata una valida opportunità per diversificare il proprio portafoglio.

Comincia la discussione

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *